servizi-per-adulti-alice-attraverso-lo-specchio

Servizi per

Adulti e Anziani

da 18 a 99 anni

Valutazione delle funzioni cognitive per persone con diagnosi o sospetta diagnosi di demenza, malattie neurodegenerative (es. Sclerosi multipla e Parkinson), esiti di trauma cranico, ictus o ischemie

La valutazione delle funzioni cognitive (o valutazione neuropsicologica) è un percorso in cui raccogliere informazioni sullo stato cognitivo, funzionale, emotivo e comportamentale della persona.

Gli aspetti osservati possono essere molteplici, tra questi troviamo le capacità di memoria e apprendimento, attenzione, linguaggio, ragionamento logico-deduttivo e astratto, problem-solving e capacità collegate alla gestione delle proprie attività quotidiane.

L’obiettivo è quello di verificare la presenza di eventuali difficoltà, valutarne l’entità e le possibilità di riabilitazione e/o potenziamento, insieme alla valorizzazione delle capacità preservate.

Percorsi di stimolazione, riabilitazione, potenziamento delle funzioni cognitive individualizzati

  • Per persone con diagnosi o sospetta diagnosi di Disturbo Neurocognitivo lieve (MCI) o maggiore (Demenza dovuta a Malattia di Alzheimer, Degenerazione Frontotemporale, Malattia a Corpi di Lewy, Malattia Vascolare, ecc. ) che intendono attivarsi per rallentare il processo degenerativo e mantenere il più a lungo possibile le proprie autonomie quotidiane e capacità residue.
  • Per persone che hanno subito interventi chirurgici, trauma cranico, ictus o altri eventi che per un periodo di tempo gli hanno costretti a restare in ospedale e interrompere le proprie attività quotidiana, che fanno fatica a ripartire o che “non sentono di aver recuperato a pieno” le proprie capacità cognitive, che riscontrano oggettive difficoltà di memoria, attenzione, linguistiche.
  • Per persone che hanno ricevuto una diagnosi di malattia neurodegenerativa (es. Morbo di Parkinson, Sclerosi Multipla) che vogliono essere preparati difronte ad eventuali difficoltà secondarie che possono coinvolgere le loro abilità cognitive (es. attenzione, memoria, linguaggio, problem-solving ) nei compiti quotidiani, lavorativi, o che già le stanno sperimentando.

Gruppi di stimolazione cognitivo-relazionale per anziani con deterioramento cognitivo

Un servizio che si rivolge agli anziani con demenza ed alle loro famiglie, per promuoverne il benessere.
In un ambiente protetto e validante, si crea uno spazio di condivisione ed espressione privo della possibilità di sbagliare o sentirsi giudicati. Si svolgono attività di stimolazione cognitiva adattate al livello di compromissione e volte a coniugare l’esercizio cognitivo con aspetti ludici e relazionali, che stimolano la partecipazione e migliorano la qualità delle percezioni sul sé.

Gruppi di “ginnastica per la mente” per anziani sani

Si tratta di un percorso di stimolazione della memoria e delle funzioni cognitive in generale (attenzione, ragionamento, capacità di giudizio, categorizzazione, fluenza verbale).

Si rivolge a persone con più di 50 anni che si trovano davanti agli effetti sulla loro vita quotidiana dei cambiamenti dovuti all’invecchiamento, che vogliono aumentare la propria efficienza cognitiva, motivati a condividere e ricevere supporto sui temi legati all’avanzare dell’età, volenterosi di confrontarsi con una nuova e stimolante attività.

Sportello per Care Givers

Questo servizio si rivolge a tutti coloro devono affrontare la comunicazione di una diagnosi o l’inizio di un iter di accertamenti clinici per un proprio caro, oppure convivono già quotidianamente con le difficoltà ed i cambiamenti che la malattia insinua nella vita quotidiana e familiare.
Si propone di fornire ascolto e sostegno, per affrontare il senso di impotenza e frustrazione, per ricevere risposte alle proprie domande sulla malattia e la sua gestione, apprendere strategie da utilizzare per compensare le difficoltà quotidiane, gestire efficacemente il cambiamento.

Sostegno psicologico e valutazioni cliniche

Il sostegno psicologico è un incontro con un professionista psicologo che ci permette di sentirci ascoltati, di sviscerare all’interno di una nuova relazione i pensieri che potrebbero accompagnare una condizione di sofferenza, un temporaneo disagio o un importante cambiamento, guardarne le possibilità e lavorare per raggiungere un maggiore senso di controllo e ridurre gli effetti di una condizione di malessere.